Spermiogramma (Roma - Italia)

Lo spermiogramma è un esame di laboratorio che studia il liquido seminale per valutare la qualità degli spermatozoi, attraverso la verifica della forma, del numero e della motilità. E’ tutt'oggi considerato uno strumento basilare nella valutazione della fertilità maschile, nonostante non fornisca risposte definitive sulla capacità riproduttiva in quanto si tratta di uno studio in vitro che può non riflettere il comportamento del liquido seminale nell'apparato riproduttivo femminile. Affinché i risultati dello spermiogramma siano attendibili è fondamentale che l'esaminato rispetti alcune norme: completa astinenza dall'attività sessuale che oscilla tra i 2 e i 4 giorni; eiaculazione ottenuta esclusivamente per masturbazione; accurata igiene delle mani e dei genitali; raccolta dell’intera emissione di liquido seminale in un barattolo sterile; far pervenire il campione al laboratorio di analisi entro 30/60 minuti dall’emissione del liquido seminale, evitando shock termici (quando è possibile, la raccolta del campione andrebbe eseguita direttamente presso il laboratorio). È importante, inoltre, non aver effettuato terapie mediche o chirurgiche o avuto febbre elevata nei tre mesi precedenti l'esame perché il liquido seminale, come tutti i fluidi biologici, è soggetto ad oscillazioni positive o negative, a seconda di quello che è accaduto nei tre mesi precedenti all'esame e alle modalità di raccolta del campione. Durante lo spermiogramma sono studiati tre parametri fondamentali del liquido seminale: concentrazione (numero), motilità (capacità di movimento) e morfologia (forma) degli spermatozoi. Queste tre caratteristiche influenzano la loro capacità fecondante, cioè l'abilità nel risalire la cervice e l'utero fino alla cellula uovo, subire la capacitazione (una serie di trasformazioni che aumentano la capacità fecondante) e permettere ad un singolo spermatozoo di aprirsi un varco verso il nucleo, dove unirà il suo patrimonio genetico con quello dell'ovocita. E’ possibile ottenere un’analisi macroscopica ed una microscopica. Per la prima i parametri di riferimento sono il colore e l’aspetto, il volume, il pH, la fluidificazione, la viscosità e la presenza di altre sostanze chimiche (fruttosio, acido citrico, glicerofosforilcolina e zinco); invece le caratteristiche microscopiche sono la concentrazione, la morfologia e la motilità degli spermatozoi. Nei risultati dello spermiogramma verrà utilizzata una terminologia specifica che andrà ad indicare le varie anomalie; nello specifico parliamo di oligospermia o polispermia in caso di alterazione della concentrazione degli spermatozoi, di astenospermia per un’alterazione della motilità degli spermatozoi, di teratospermia per un’alterazione della morfologia degli spermatozoi ed infine di oligoastenoteratospermia quando abbiamo un’alterazione di tutte le variabili. Per la valutazione della fertilità di un individuo, lo spermiogramma non può essere considerato comunque un esame unico e definitivo, in quanto il riscontro di un reperto "anormale" o "normale" non è sinonimo di infertilità o fertilità; pertanto, se necessario, la fertilità di un individuo deve essere indagata anche attraverso ulteriori indagini e attraverso una eventuale consulenza andrologica.

Spermiogramma Roma, Analisi Spermatozoi Roma, Spermiogramma Italia, Infertilità, Sterilità, Spermiogramma Procreazione Assistita.

Clinica Alma Res - Via Parenzo 12 - 00198 Roma - Prof. Pasquale Bilotta